Atlantis

Atlantide, Bory de Saint-Vincent

[by Alberto Guareschi]

With a note handwritten by Mr. Himself

(…) and then cut out

from the Chinese paper roll

(still intact in the cabinet!)

a sheet to draw new lands

emerged from the depths of dreams,

sketching ad libitum

their coasts, smoke spirals

from the volcanoes,

rivers lakes and oceans

in blue, plains and fields

in the same colour

of sunflowers, the forests

in varying shades of green –

randomly spread on the seas,

protected by coral reefs,

islands large and small

and anything else the phantasy

would give birth to:

towns afloat again from the mists of time,

the pattern of caravan routes

through the deserts –

finally still white the paper sheet,

such as many more of that roll

from the Great Wall:

it seemed an easy thing

to place on rice paper

mental landscapes imagined

through lonely hours,

when dreams spirally chase each other

and disappear from memory at once –

and it remains unconceivable

to see all those lands

disappear like Atlantis

without the slightest sign

still reminding of their existence,

swallowed by nothingness,

as if they had never turned on

flashes of light or been,

in their fragile beauty,

the only, real landing place

on this side of the line

of the horizon –

I often recalled

what I had read some day

about an ancient painter (Tang dynasty)

who, having laid down his brushes,

had entered the canvas in the flesh

disappearing amidst

trees and bamboo

just painted. And of the many times

I had seen big-bellied statues

of the Great Mothers

with enormous breasts

and asses so low almost down to the ground.

Had there not been, after the last one,

still another canvas

of signs and words to recompose,

I would rather set forth

to the nutshell of prenatal world

through that deep cut

engraved in their belly and then fall asleep

the time of a long lethargy

without tomorrow.

 

Continua a leggere

North Star

Foto di Luigi Caricato

[by Alberto Guareschi]

 

Still in open sea,

as much in the calm

or in days livid with storms,

when all seems to remain

equal to itself,

whilst every night,

imperceptibly,

we sail at risk of crashing

against the reefs –

no more in the breast pocket

the amulet that could,

if only evoked,

make us feel riding the comet,

that small, immaterial thing

quam plus ille oculis suis amabat,

kneaded by dreams,

needed more than water

and air to keep afloat

and not sink –

and it appears unlikely,

when regaining consciousness after lethargy,

to have groped in the dark

such a long time,

arms and legs stretched out

in all directions,

until losing that corner of sky

whre it was a certainty,

the evening set in,

to focus with the telescope

Eden and temptations

of poetry

Continua a leggere

To Ariel

(Letter. Postscript. Farewell)

[di Alberto Guareschi]

 

LETTER

Ariel, to tell you everything,

this was the project:

to draw up the chronicles

and let you know (at every step

I thought about the words,

they were like kites

facing sudden disappearance

into the ocean) –

 

always beginning all over again,

never carrying on,

years squandered in gazing

at passing clouds,

moon phases

(from hotel rooms

postcards to friends,

readings of Li Po and other masters) –

 

collected as time passed

earth maps, notes

for tomorrow, sheets

covered with signs,

boxes full of puzzles

and threads to be unraveled

for the final canvas (as a child

I listened to my mother

intent on her chrochet:

she alone could untie

certain tangles) –

 

had I been able, at least,

to commit messages

with fragments of the plot

to carrier-pigeons,

whereas I lost the thread,

Ariel my dear,

zigzag with my nose

from one dream to the other

(feeling as walking

pendulum-wise like that funny

Monsieur Hulot on holiday

seen in the movie) –

 

POSTSCRIPT

Total serenity

of dreamed landscapes,

the fantasy at full speed

on flying carpets,

with new territories to explore

in space and time

(omnipresent the flow of the Notturni,

that “small hand”

free from any force of gravity) –

 

all as foretold

by Arianna’s tarots:

contemplation and Tao,

imagination only,

no action, no doing –

a project diluted along the branches

and the too many branches of branches,

never safe landing-places,

sure passages

uncorrupted by doubt,

between enchanted gardens

and the crash of all chimeras:

always and everywhere

just ink stains only,

no picture

(stretching my fingers out

I had the impression

of playing with soap bubbles:

at sunrise everything disappeared,

farewell you beautiful,

variegated butterflies,

light ideograms,

puppets and theatres)

 

FAREWELL

Flying carpets confined

in the oblivion room of previous life,

now departure to lands

void of moon phases and seasons,

night day and dusk

all the very same thing –

 

impossible to foretell other letters,

messages from silence,

from when and where

(in Song from the O-mei, between other lines,

I read: “Boarded in the evening

from the jetty at Ching-chi

bound to the Three Gorges.

Thinking of you far from my eyes now

I go down to Yu-chow…”) –

 

a thin slip of sand behind me,

North Star high on the line

of the horizon –

 

 

Continua a leggere

Quattro liriche di Nicola Dal Falco

nicola-dal-falcoCampacci

Là, per la cruna dell’ago

dove passano cane e canicola,

scrocchia d’erbe il sentiero.

L’aria appena si muove,

solleva profumi canditi

di cere, di stoffe, di bacche.

Va a zonzo una reliquia,

un catrame d’ossa e con queste

l’ombra di sotto,

lezzo d’anime e nomi.

Due cagne – in testa Rubinia –

gettano ansia tra i rovi, cerchiando segreti,

cacciando tartufi.

Sembra che sappiano, al di là delle nuvole,

quale respiro intrecci l’attesa e la sosta.

Scavano, perse nel golfo d’ogni singola impronta. Continua a leggere

Antologia di poeti contemporanei. Tradizioni e innovazione in Italia

14196175_10154284022725202_4672266871584537045_o
È in libreria, per le edizioni Mursia d Milano, un’antologia fondamentale per orientarsi nella poesia italiana contemporanea. C’è grande curiosità. Chi sono i poeti più significativi del nostro tempo? Travolti dall’iperproduzione amplificata dai nuovi media, disorientati dalla latitanza dei critici, spesso i lettori di poesia si muovono confusi tra le pagine, privati di solidi strumenti di analisi e valutazione.

Il volume, firmato da Daniela Marcheschi, uno dei critici oggi più autorevoli, propone l’opera di 21 poeti italiani, giudicati variamente rappresentativi e validi da molteplici angolazioni; di ciascuno fornisce un profilo bio-bibliografico e critico fondamentale per comprenderne genesi ed evoluzione dell’opera artistica.

Ecco i 21 i poeti dell’antologia:
Pier Luigi Bacchini
Giampiero Neri
Franco Loi
Fernando Bandini
Elio Pecora
Jolanda Insana
Nanni Cagnone
Anna Cascella Luciani
Giorgio Manacorda
Cristina Annino
Maurizio Cucchi
Lino Angiuli
Assunta Finiguerra
Biancamaria Frabotta
Guido Oldani
Roberto Piumini
Maura Del Serra
Amedeo Anelli
Margherita Rimi
Antonio Riccardi
Paolo Febbraro

 

Daniela Marcheschi, Antologia di poeti contemporanei. Tradizioni e innovazione in Italia, Mursia

Nicola Dal Falco: Quando già imbionda la luce

nicola-dal-falco-poetaQuando già imbionda la luce d’agosto

E sventato e ricco s’appressa settembre,

Lascio l’attesa al cuore, al corpo l’innocenza;

 

Del sole che più non scalza, ma chiarisce

Confini e sprezzo delle cose,

Allegra signora d’autunno si cinge corona,

Potenza d’occhi socchiusi,

 

Così un bisticcio di rane o colombi saluta

La morte di più giorni, sommando insieme

Dolcezze e vanità Continua a leggere

Sette poesie di Paolo Maccari

paolo maccariNato a Colle Val d’Elsa nel 1975, l’autore vive a Firenze. Nel 2000 ha pubblicato, con prefazione di Luigi Baldacci, la raccolta di versi Ospiti (Manni); nel 2006 la plaquette Mondanità (L’obliquo), poi confluita nel volume Fuoco amico (Passigli). Del 2013 è il libro di versi e prose Contromosse (Con-fine). Le traduzioni sono opera di Yannick Gouchan e Riccardo Donati.

Tu non verrai
Come gli alberi passati dal vento
stormiscono; con la stessa distratta
ineluttabile naturalezza
sento i miei vecchi in triste coro piangere
monotononi lamenti.
Da viluppo, da grigio parassita
a strappi, lungo sapienti tragitti,
la sofferenza ha guadagnato gli occhi
s’è fatta sguardo e voce
s’è resa anima, ha vinto impetuosa.
Tu non verrai ma potresti venire
ad ascoltare la nota luttuosa
nell’ospizio dove i vecchi lamentano
di non essere ormai ciò che furono
di essere ancora ciò che essi saranno
finché saranno.

I declivi che hanno sceso i miei vecchi
sono scoscesi e pervi
e rotolarli è quasi
addormentare i nervi
in un tragitto senza scosse.
I sentieri si fermano
innanzi all’incubo e ve li adagiano.
Per il mio cuore è quasi insopportabile
accorgersi che l’incubo è abitabile.

Quando come il vento cade la vita
da quelle genti grondanti stanchezza
ti par di vedere nei corpi liberi
dalla feroce brama
di vivere
il sollievo di non essere più assediati,
un po’ come gli arbusti
che alzano lievi la testa
quando ormai romba altrove
la devastante, la lunga tempesta.
Tu non verrai ma potresti venire
a vedere con quale infesta
lentezza si può morire. Continua a leggere

Ai bambini che devono guarire

margherita rimiUna poesia di Margherita Rimi, “Su due rotelle”

Siamo rimasti in pochi
a ricalcare gli occhi sulla foto
a non giudicare per quella
discordanza
E quell’incoerenza sulla bocca ha
la sua stratigrafia:
Ancora penso a quanti anni hai
se mai faremo in tempo
a quel mancare il primo posto
a quel mancare il primo banco
Se mai faremo in tempo
a farti camminare sui tuoi piedi.
– Se puoi guarire –
Dicono che puoi guarire.

Testo tratto da: Margherita Rimi, La civiltà dei bambini, Libreria Ticinum

Selected poems

elio pecora 2Sette poesie di ELIO PECORA nelle traduzioni in lingua inglese di Alessandra Nicifero, pubblicate nel libro Selected poems, Gradiva Publications, New York, Usa 2014.

Quadri cittadini

Torna la folla, ad assalire, a tenere
le mura strette della città fra le porte.
In mezzo ai gridi, alle risa, ai richiami,
anche minacce, anche parole d’intesa:
sgombro il futuro di ogni resa o castigo.

In cielo appare la luna del primo quarto,
il sole scende dietro terrazze e antenne.

Di tanti ognuno comprende nel buio cuore
l’urgenza estrema di questo andare insieme,
l’uno a fianco dell’altro, portando la norma
che viene prima del pane, prima del sonno,
e qui spinge e consuma nel giorno veloce. Continua a leggere

Frammenti di un epicedio, La danzatrice

ELIO PECORAFrammenti di un epicedio e La danzatrice. Due poesia di ELIO PECORA, tradotte in francese da Jean Portante e pubblicate sulla rivista Transkrit, nel marzo 2014.

Frammenti di un epicedio

…Il corpo della madre
è un porto mai raggiunto,
pure è di là che parte,
– ne parte per tornare
e ripartirne il figlio.
Di quel cavo ha sentito
la perdita, il distacco,
quindi un lungo vagare
nei recinti del mondo,
inebriato, deluso,
dentro il sogno confuso
di un’iniziale, persa,
colma felicità Continua a leggere