Contatti

E’ possibile prendere contatti con la Direzione, scrivendo a Daniela Marcheschi: marcheschi@corsoitalia7.it

Oppure all’editore, Olio Officina: redazione@olioofficina.it

Corso Italia 7 è il supplemento culturale di Olio Officina Magazine, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano, n. 326 del 18 ottobre 2013.
Direttore responsabile: Luigi Caricato
Direzione e redazione: Via Francesco Brioschi, 86 – 20141 Milano
Tutti i diritti sono riservati – Per comunicazioni: redazione@olioofficina.it – See more at: https://www.corsoitalia7.it/chi-siamo/#sthash.eDU9FOba.dpuf

Corso Italia 7 è il supplemento culturale di Olio Officina Magazine, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano, n. 326 del 18 ottobre 2013.

Direttore: Daniela Marcheschi
Direttore responsabile: Luigi Caricato

Direzione e redazione: Via Francesco Brioschi, 86 – 20141 Milano
Tutti i diritti sono riservati – Per comunicazioni: redazione@olioofficina.it

 

Articoli recenti

Andrea Carraro, come un ceramista nel tornio

[di Daniela Marcheschi]

Andrea Carraro, Tutti i racconti, Postfazione di Fabrizio Ottaviani, Roma, Castelvecchi, 2016.

Quando leggiamo i racconti di Carraro, noi in realtà li “vediamo” e “sentiamo” svolgersi: vediamo il disabile con il berretto che batte la testa contro il finestrino, sentiamo i dialoghi dei personaggi, ad es. dell’ingegner Frezza e della moglie, come se questi avvenissero accanto a noi. Perché Carraro possiede il segreto di scrivere affondando nella materia verbale come un ceramista nel tornio: la forma, ed essa ha una sua linea precisa, un suo ritmo –quelli necessari.

Andrea Carraro, Sacrificio, Roma, Castelvecchi, 2017.

Capace di scavare nel dolore e nell’orrore come pochi, Carraro in questo romanzo racconta un dramma di droga, e il peso di una situazione che distrugge vita e bellezza, tutto quanto di dolce e sereno un uomo possa aver costruito. La vita di Giorgio è disgregata, un colpo dietro l’altro, perché la figlia, una ragazza, si droga senza riuscire a smettere. La droga come colpa, come una sorta di “forza del destino” moderna, e il Male che lo affonda piano piano, inesorabile, ma in un «sacrificio» necessario.

 

  1. Tutto era in ordine, troppo Lascia una risposta
  2. Una giovinezza del XX secolo Lascia una risposta
  3. Un omaggio amoroso a Modena Lascia una risposta
  4. II Seminario Giuseppe Pontiggia Lascia una risposta
  5. Subalternità nella subalternità, ma anche vita e speranza Lascia una risposta
  6. Il teatro veneziano Lascia una risposta
  7. Questa non me la bevo – L’almanacco delle news talmente vere che sembrano fake Lascia una risposta
  8. Giovanni Arpino, scrittore di rango Lascia una risposta
  9. E il naufragar m’è dolce in questo mare… Lascia una risposta