Tra favola e sogno, tra infanzia ed età adulta

Maria Paola Colombo, Il bambino magicoMilano, Mondadori, 2016

[di Daniela Marcheschi]

Un villaggio sperduto, un bambino nero, Gora, e suo fratello albino, Moussa: «il bambino magico», appunto. Il desiderio di crescere, la libertà, il miraggio della città. L’Africa e la sua vita inesorabile, dura; e finalmente il viaggio verso una terra agognata: l’Italia. Tra favola e sogno, tra infanzia ed età adulta, la Colombo racconta –con lo stile che già le conosciamo dal 2012, anno dell’esordio con Il negativo dell’amore (ma questo secondo romanzo è forse talora meno fluido e con un finale che lascia qualche dubbio) –, le illusioni e il loro infrangersi sulla morte e una società con usi e regole strane da capire, che sfrutta senza pietà. Eppure c’è anche la speranza: la possibilità di un futuro diverso.

Lascia un commento