Arrigo Benedetti. L’ostinazione laica

[di Alberto Marchi]

“I giornali non sono scarpe”: fu, questo, il titolo di un memorabile articolo che Arrigo Benedetti pubblicò nel 1950 in uno dei due maggiori settimanali che egli aveva fondato e diretto, «L’Europeo». I giornali non sono come le scarpe, non sono un bene di consumo al pari di un qualsiasi altro oggetto del mercato: è vero, possono finire al macero, ma qualcosa di loro resterà. C’è espressa, in questo titolo così riuscito, una visione del giornalismo che Arrigo Benedetti praticò in tutto il corso della sua straordinaria esperienza giornalistica e che ha segnato profondamente la storia della stampa italiana nella seconda metà del Novecento. Un giornalismo che non insegue facili successi, che non è fatto solo di articolisti brillanti che usano la realtà come pretesto per lo sfoggio delle proprie abilità o, peggio, per il proprio tornaconto. Ma che persegue, invece, uno scopo che è insieme nobile e quant’altri mai necessario alla convivenza civile: l’ideale di una stampa libera e indipendente, capace di indagare e raccontare la realtà per quell’opera di conoscenza che è essenziale per la formazione di cittadini consapevoli.

Arrigo Benedetti

Tornare alle fonti del magistero benedettiano è così oggi non un mero esercizio retorico, né un nostalgico revivaldi un passato che si suppone “glorioso” di fronte al presente, che spesso ci lascia delusi. Significa invece ripercorrere un itinerario che non fu fatto solo di successi, ma che spesso si dovette scontrare con la durezza della realtà: come quando, nel 1958, la Corte di Appello di Roma condannò Arrigo Benedetti e Manlio Cancogni alla pena di dieci mesi di reclusione senza condizionale (poi fortunamente estinta per amnistia) per aver diffamato la Società Immobiliare negli articoli di una famosissima inchiesta che fu pubblicata dal settimanale «L’Espresso» nel 1955: Capitale corrotta=Nazione infetta. Coloro che avevano disvelato le strutture di un immenso malaffare venivano “puniti” con una condanna che suscitò peraltro vasta indignazione, sia nel mondo politico, a onor del vero, che nella stampa.

Ma riscoprire Benedetti significa anche tornare ad apprezzarne la pluridecennale attività di opinionista: dalla metà degli anni Quaranta fino alla morte, avvenuta precocemente nel 1976, passando per «L’Espresso», la «Stampa», il «Correre della Sera», «Panorama» e «Il Mondo», egli fu infatti uno degli alfieri dell’Italia che si può senz’altro definire laica e civile, difensore strenuo dei principi che fondano una moderna democrazia di stampo liberale: la libertà di coscienza, la tolleranza, l’attenzione costante rivolta a chi nella società occupa gli ultimi posti. È l’impegno di chi rivendicava per sé l’attributo di “laico ostinato”, nel rifiuto di ogni imposizione di confessionalismo e di oscurantismo.

Arrigo Benedetti non trascurò di praticare alcuna forma o genere giornalistico: dall’inchiesta al reportage, dall’articolo di fondo all’elzeviro, di cui rinnovò la forma dando prova di grandi capacità di sintesi. L’inchiesta sulla morte di Salvatore Giuliano, la linea ferma tenuta durante il caso Montesi, la già citata inchiesta Capitale corrotta=nazione infetta, la grande inchiesta sulla mafia in Italia sempre sulle pagine dell’«Espresso», la rottura con Scalfari a suon di editoriali pubblicati nella celebre rubrica “Diario Italiano”, sono solo alcune delle vicende più famose che hanno segnato l’esperienza gioranalistica di questo grande esponente di una stampa libera che faceva dello spirito di indipendenza da ogni potere il sigillo di un’informazione capace di camminare a testa alta nella difficile società contemporanea.

+++++

Alberto Marchi è nato a Lucca nel 1971 e vive nel borgo di Villa a Roggio nella Media Valle del Serchio. Laureato in giurisprudenza nell’Università di Pisa con una tesi sul principio dell’obbligatorietà dell’azione penale nella Costituzione italiana, ha collaborato come corrispondente con il quotidiano «La Nazione» e con i settimanali «Toscana Oggi» e «Metropoli». Ha collaborato con il portale internet www.supereva.it, dove si è occupato di tematiche riguardanti la famiglia.

Dopo un’esperienza come portavoce del sindaco del Comune di Bagni di Lucca (di cui ha curato come direttore responsabile il periodico «Il Sindaco Informa»), ha fondato e diretto il sito internet di informazione www.europasera.it.

Nel 2010 ha pubblicato per i tipi di Prospettiva Editrice (Civitavecchia) il saggio L’ostinazione laica, l’esperienza giornalistica di Arrigo Benedetti.

Ha curato, oltre alla post-fazione della nuova edizione del romanzo Paura all’alba(Consulta Libri e Progetti, Reggio Emilia, 2012), l’antologia Arrigo Benedetti. Più giornalismo meno ideologia(Aragno, Trino, 2013), con prefazioni di Carlo Gregoretti e Eugenio Scalfari, volume inserito nella collana Classici del giornalismo.

Nel 2015, per ª«Kamen’. Rivista di poesia e filosofia», ha curato la sezione giornalismo e letteratura del n. 47 dedicata ad Arrigo Benedetti.

Per l’editore Tra le righe libri (Lucca, 2016) ha pubblicato una nuova edizione, aggiornata e accresciuta, del saggio L’ostinazione laica, con il titolo Arrigo Benedetti. L’ostinazione laica nell’esperienza giornalistica.

È socio fondatore e vice presidente del Centro Europeo di Studi Arrigo Benedetti di Lucca, nonché socio fondatore e segretario del Centro Internazionale di Studi Europei Sirio Giannini di Seravezza (LU).

 

Questo articolo è stato pubblicato in Saggi da OOF . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Lascia un commento